Dipende in gran parte dalle associazioni di genere che apprendiamo attraverso la cultura e la memoria, come i profumi che ricordiamo portati dai nostri genitori o dai nostri primi amori.

Certamente, l’industria dei profumi segue le convenzioni culturali classificando le fragranze floreali e fruttate come femminili e quelle più muschiate e speziate per uomini.

Ma da dove provengono queste associazioni?

Per gli odori “femminili”, una possibilità è che ciò abbia a che fare con il fatto che fin dall’antichità i fiori sono usati come metafore della fertilità femminile, mentre il legame tra uomini e profumi muschiati può derivare dal fatto che l’odore del corpo degli uomini è di solito spontaneamente più muschiato di quello delle donne.

Tuttavia l’identità di genere” di un odore spesso non è così evidente.

In un piccolo studio dell’Università di Stoccolma è stato chiesto a vari volontari di sentire l’odore di vari profumi commerciali in flaconi senza indicazioni e di valutarne la mascolinità o femminilità.

Con l’eccezione dei profumi più floreali e speziati, le loro valutazioni hanno mostrato poca corrispondenza con le categorie commerciali di genere.

CONDIVIDI